Imágenes de páginas
PDF

Illustre tendebas iter
Thamesis ad incunabula
Cærulei patris,
Fontes ubi limpidi
Aonidum, thyasúsque sacer,
Orbi notus per immensos
Temporum lapsus redeunte cælo,
Celebérque futurus in ævum ?

Strophe II.
Modd quis deus, aut editus deo,
Pristinam gentis miseratus indolem,
(Si satis noxas luimus priores,
Mollique luxu degener otium,)
Tollat nefandos civium tumultus,
Almáque revocet studia sanctus,
Et relegatas sine sede Musas
Jam penè totis finibus Angligenům;
Immundásque volucres,
Unguibus imminentes,
Figat Apollineâ pharetra,
Phineámque abigat pestem procul amne Pegasëo ?

Antistrophe.
Quin tu, libelle, nuntii licèt mala
Fide, vel oscitantia,
Semel erraveris agmine fratrum,
Seu quis te teneat specus,
Seu qua te latebra, forsan unde vili
Callo tereris institoris insulsi,
Lætare felix: en iterum tibi
Spes nova fulget, posse profundam
Fugere Lethen, vehique superam
In Jovis aulam, remige pennà :

Strophe III.
Nam te Roüsius sui
Optat peculi, numeróque justo
Sibi pollicitum queritur abesse ;
Rogátque venias ille, cujus inclyta
Sunt data virům monumenta cura :
Téque adytis etiam sacris

[ocr errors]

Antistrophe.
Ergo, tu visere lucos
Musarum ibis amenos;
Diámque Pheebi rursus ibis in domum,
Oxoniâ quam valle colit,
Delo posthabita,
Bitidóque Parnassi jugo:
Ibis honestus,
Postquam egregiam to quoque sortem
Nactus abis, dextri prece sollicitatus amici,
Illic legeris inter alta nomina
Authorum, Graiæ simul et Latinæ
Antiqua gentis lumina, et verum decus,

Epodos.

:Vos tandem, haud vacui mei labores,

Quicquid hoc sterile fudit ingenium,
Jam serd placidam sperare jubeo
Perfunctam invidia requiem, sedésque beatas,
Quas bonus Hermes,
Et tutela dabit solers Roüsi;
Qud neque lingua procax vulgi penetrabit, atque longè
Turba legentum prava facesset;
At ultimi nepotes,
Et cordatior ætas,
Judicia rebus æquiora forsitan
Adhibebit, integro sinu.
Tum, livore sepulto,
Si quid meremur sana posteritas sciet,
Roüsio favente.

ITALIAN SONNETS.

Donna leggiadra, il cui bel nome honora

L'herbosa val di Rheno, e il nobil varco, Bene è colui d'ogni valore scarco,

Qual tuo spirto gentil non innamora,
Che dolcemente mostra si di fuora

De sui atti soavi giamai parco,
E i don' che son, d'amor saette ed arco,

La onde l'alta tua virtu s' infiora.
Quando tu vaga parli, o lieta canti

Che mover possa duro alpestre legno, Guardi ciascun a gli occhi, ed a gli orecchi L'entrata, chi di te si truova indegno; Gratia sola di su gli vaglia, inanti Che 'l disio amoroso al cuor s' invecchi.

II.

Qual in colle aspro, al imbrunir di sera

L'avezza giovinetta pastorella
Va bagnando l'herbetta strana e bella

Che mal si spande a disusata spera
Fuor di sua natia alma primavera,

Cosi Amor nieco insù la lingua snella
Desta il fior novo di strania favella,

Mentre io di te, vezzosamente altera,
Canto, dal mio buon popol non inteso

E 'l bel Tamigi cangio col bel Arno.

Amor lo volse, ed io a l'altrui peso Seppi ch' Amor cosa mai volse indarno.

Deh! foss' il mio cuor lento e 'l duro seno A chi pianta dal ciel si buon terreno.

CANZONE,

RIDONSI donne e giovani amorosi
M'accostandosi attorno, e perche scrivi,
Perche tu scrivi in lingua ignota e strana.
Verseggiando d' amor, e come tosi ?
Dinne, se la tua speme sia mai vana. ·
E de pensieri lo miglior t'arrivi;
Cosi mi van burlando, altri rivi
Altri lidi t' aspettan, et altre onde
Nelle cui verdi sponde
Spuntati ad hor, ad hor a la tua chioma
L'immortal guiderdon d'eterne frondi
Perche alle spalle tue soverchia soma ?

Canzon dirotti, e tu per me rispondi
Dice mia Donna, e 'l suo dir, é il mio cuore
Puesta e lingua di cui si vanta Amore.

III.

DIODATI, e te 'l dird con maraviglia,

Quel ritroso io ch'amor spreggiar soléa
E de suoi lacci spesso mi ridea

Gia caddi, ov' huom dabben talhor s' impiglia, Ne treccie d'oro, ne guancia vermiglia

M, abbaglian Sí, ma sotto nova idea
Pellagrina bellezza che 'l cuor bea,

Portementi alti honesti, e nelle ciglia,
Quel sereno fulgor d'amabil nero,

Parole adorne di lingua piu d' una,

E 'l cantar che di mezzo l'hemispero
Traviar ben puo la faticosa Luna,

E degli occhi suoi auventa si gran fuoco
Che l' incerar gli orecchi mi fia poco.

[ocr errors]

PER certo i bei vostr' occhi, Donna mia

Esser non puo che non sian lo mio sole
Si mi percuotum forte, come ei suole

Per l'arene di Libia chi s' invia,
Mentre un caldo vapor (ne sentì pria)

Da quel lato si spinge ove mio duole,
Che forse amanti nelle lor parole

Chiaman sospir, io non so che si sia :
Parte rinchiusa, e turbida si cela

Scosso mi il petto, e poi n' uscendo poco

Quivi d'attorno o s' agghiaccia, o s' ingiela : Ma quanto a gli occhi giunge a trovar loco

Tutte le notti a me suol far piovose
Finche mia Alba rivien colma di rose.

V.

GIOVANE piano, e simplicetto amante

Poi che fuggir me stesso in dubbio sono,
Madonna a voi del mio cuor l'humil dono

Fard divoto ; io certo a prove tante
L'hebbi fedele, intrepido, costante

De pensieri leggiadro, accorto, e buono;
Quanto rugge il gran mondo, e scocca il tuono,

S'arma di se, e d'intero diamante :
Tanto del forse, e d'invidia sicuro,

Di timori, e speranze, al popol use,

Quanto d'ingegno, e d'alo valor vago, E di cetra sonora, e delle muse :

Sol troverete in tal parte men duro

Ove Amor mise l'insanabil ago. * • Cowper has very elegantly translated these sonnets.

MILNER AND SOWERBY, PRINTERS, HALIFAX.

« AnteriorContinuar »